Show Menu
Cheatography

Terapia Genica Cheat Sheet by

Gene Theraphy and vectors

Vettori

Murini e Aviari
Si possono eliminare molti o tutti i geni. Studi con HSC su topi e sorting magnetico. Usati per le SCID, mettendo in HSC una copia del gene sano, e basta solo una copia in quanto è una malattia X-li­nked. (Gene ada o Gene della catena gamma).
Retr­ovi­rali
Hanno: 2 LTR (formate in retrot­ras­ciz­ione); 3 geni (Gag, che codifica per il tRNA e PBS, Pol, che contiene trascr­ittasi inversa proteasi e integrasi, Env proteine dell'e­nve­lope). Svan­tag­gio s'inte­grano solo in mitosi. Esistono anche con LTR non funzio­nante: sIN. Esempi: Virus di Molony e Virus di Rous. Inte­gra­zione casuale, ma spesso in siti di trascr­izione MECOM.
Lent­ivi­rali
Hanno: LTR; Gag; Pol; Env; geni accessori (Rev e RREV); Segnale d'inca­psi­dam­ento; tRNA; Trascr­ittasi Inversa; Proteina G del VSV; Promotore e gene terape­utico. 1° genera­zione a bassa sicurezza. 2° Genera­zione delezione geni non import­anti. 3° genera­zione LTR non funzio­nante, uso di promotore, 3 plasmidi di packaging. Integr­azione abbastanza casuale: Hots­pots.
AAV
ssDNA, 5Kbp. Polarità + o - incaps­ida­mento al 50% con una polarità o l'altra. Hanno: 2 ITR; Rep e Cap. Non sono patogeni; Alta moltep­licità d'infe­zione (Cocktail di geni); Integr­azione sul crom­osoma 19; uso anche su cellule perenni; pers­ist­enti, usati per fare topi transg­eni­ci; tropismo selett­ivo per cuore; muscolo e pancreas. Associati a metodi per la rottura del DNA (per evitare il legame con l'MNR complex)

Terapia Genica per l'Occhio

È un organo molto adatto alle applic­azioni di terapia genica. Perché:
è facil­mente access­ibile
presenta una struttura anatomica molto compar­tim­ent­ali­zzata che consente la sommin­ist­razione locale di vettori, ed è un sito immu­no-­pri­vil­egi­ato. Questo perché, anche nel caso in cui il soggetto presen­tasse Ab anti-AAV, nell’o­cchio i vettori non sarebbero non sarebbero eliminati.
esistono molti modelli animali facilmente reperibili (Cane mutato RPE65).
Il vettore AAV, sommin­istrato in via intr­a-v­itr­eale (nel bulbo ottico) è capace di trasdurre le cellule gangli­onari della retina che poi arrivano al cervello.
Invece è possibile inserire nello spazio sott­o-r­eti­nico la siringa per la sommin­ist­razione dei vettori AAV trasdu­cendo i fotore­cettori e cellule intermedie (epitelio pigmen­tato).
 
La terapia genica ha riscontro per:
Amaurosi congenita di Leber: è una retinite pigmen­tosa in cui coni e baston­celli degene­rano. Quando la luce colpisce la rodopsina, la reazione che stimola il nervo ottico è irrev­ers­ibile => dev'es­serci un turnover dei dischi che avviene per fagocitosi da parte delle cellule dell’e­pitelio pigmentato retinico. Poi saranno sostituiti da nuovi dischi che arrivano in superf­icie.
Mecc­anismo di fagocitosi inatti­vo: => fotor­ece­ttore degenera. La cosa inizia a livello dei baston­celli ( che sono più sensibili a causa dell’alto turnover dei dischi) restri­ngendo il campo visivo fino alla cecità. Dal punto di vista istologico vi è un assot­tig­liato dello strato dei recett­ori, con perdita dell’i­ntero recettore. Terapia nell'u­omo: AAV RPE65 iniezione sotto-­ret­inica. Si vedono miglio­ram­enti.
Reti­nos­chi­si: Difetto genetico per cui le 2 metà della retina non si fondono perfet­tamente e si hanno bolle a livello sotto-­ret­inico. Approccio classico di terapia genica: rilascio di una proteina mutata (RS1).
Coro­ido­idr­emia: Difetti nel gene REP1 (Rag Escort Protein 1). Si ha assott­igl­iamento della retina => degene­razione della retina, trattata con un vettore AAV-REP1.
Ceci­tà: per ristab­ilire la visione si stimolano dirett­amente le cellule gangli­onari della retina. Qui si usa l'op­tog­ene­tica che converte le cellule gangli­onari della retina in fotore­cettori trasfe­rendo i geni delle proteine sensibili alla luce.
Age Macular Degene­ration, AMD: La zona della macula e della fovea può degenerare per patologie diverse:
1) Forma secca: Atrofia dei recettori. Forma meno grave e più frequente.
2) Forma umida­:D­ovuta a neo-va­sco­lar­izz­azione retinica, data da iperpr­odu­zione di VEGF, in cui i vasi sanguigni invadono la macula => non funzionano bene in quanto iper-p­erm­eabili e causano edema, emorragie e cecità. Forma più rara e più grave, anche in progre­ssione. Terapie:
Apta­meri: Macugen lega il VEGF a 165 ammino­acidi e lo blocca, con iniezione intra-­vit­reale.
MAb anti-V­EGF­:­Luc­entis, legante tutte le forme di VEGF, con iniezione intra-­vit­reale.
Avas­tin: sviluppato per tumori al colon, costa meno del Lucentis e ha lo stesso effetto.
Cellule staminali embrio­nali: molto dibattute perchè portano a teratomi.
Anatomia occhio: dal bulbo, verso la parte più interna dell’o­cchio, troviamo prima il nervo ottico, poi al disotto i fotore­cet­tori, e al disopra un epitelio pigmen­tato.
Foto­rec­ett­ori, lo strato esterno è formato dai dischi in cui sono inserite le proteine utili per la visione:
I baston­celli contengono solo la rodopsina.
I coni possiedono 3 pigmenti respon­sabili della visione dei colori (eccitati dalla luce a diverse λ).

Terapia Genica del Cuore

Le CVDs compre­ndono una serie di patologie comprendo:
ICTUS,
ISCHEMIE DEGLI ARTI INFERI­ORI: claudi­catio, insuff­icienza trofica da irrora­zione => comparsa di ferite che non guaris­cono, gangrena franca.
MALATTIE ISCHEM­ICHE, come la card­iom­iopatia ischem­ica: occlusione di un vaso. Le placche che si formano non necess­ari­amente occludono il vaso ma limitano il flusso di sangue in modo costante. Per riaprire il vaso si usa un palloncino che si rigonfia. Ma c'è compli­canza da REST­ENO­SI: processo a livello della tunica media in cui si ha un aumento della prolif­era­zione che porta alla richiusura del vaso. Si risolve con stent medicati insieme a rapam­icina che bloccano la prolif­era­zione, associati ad antico­agu­lanti.

ANGI­OGE­NESI formazione di vasi sanguigni in tessuti adulti, avviene in venule post capillari: Spro­uti­ng. Come avviene?
Il VEGF (o FGF) induce la degrad­azione della membrana basale del vaso preesi­stente e le cellule migrano formando un tubo primitivo che va verso la sede di produzione del VEGF (conce­ntr­azione più alta). Questo vaso primitivo è formato da 2 tipi di cellule endote­liali:
1. tip cells sul fronte d’inva­sione del vaso, non prolif­erano, sentono il gradiente chemio­tattico e tramite noch signaling inducono il differ­enz­iamento delle cellule vicine in stock cells.
2. stock cells altamente prolif­era­tive.
Quindi il neo-vaso subirà rimode­lla­menti: smette di prolif­erare quando incontra altre cellule che lo rendono indipe­ndente da VEGF e regolano la direzi­onalità di crescita.
Poi matura grazie a: angi­opo­ietine, PDGF-B, TGF-β.
Delivery di VEGF a livello del cuore per via:
intrav­enosa
intrac­oro­narica
Dirett­amente nel cuore dall’e­ndo­cardio o dall’e­sterno
Intrap­eri­cardico per trattare cardio­patia ischemica.
Periva­scolare (rilascio di VEGF attorno ai vasi).
Iniezione nel al seno corona­rico.
Negli arti inferiori:
Iniezioni multiple intram­usc­olari degli arti inferiori
Intrar­terioso

Terapia Genica Obbiet­tivi:
1. Indurre neo-an­gio­genesi delle aree del miocardio normal­mente non ri-vas­col­ari­zzabili con le metodiche classiche.
2. Cardio protec­tion, dei cardio­miociti vivi.
3. Rigenesi del miocar­dio.

Terapia per la Neo Angiog­enesi
Uso di biofar­maci: smallRNA o miRNA; proteine ricomb­ina­nti => sicure ma non efficaci in pazienti con CHD (Chronic heart Disease) e PAOD (Ischemia perife­rica). Perchè?
⚠ Per formare un vaso stabile servono almeno 14/30 giorni in cui è attiva­mente presente VEGF => emivita in vivo insuff­ici­ente. Non si hanno problemi di mutagenesi inserz­ionale, tipica dei vettori retrov­irali.
VEGF come plasmide nudo o con Adenov­irus iniziale risposta positiva => Fase 2 non funziona!. In adenovirus => risposta infiam­matoria elimina le cellule trasdo­tte!
Vettori AAV: Si usa VEFG sotto controllo di promotore tet on/off e doxi­cic­lina in vivo per 30 giorni: VEFG è espresso, i vasi si formano e restano anche se poi spegniamo il gene.
VEGF = Vascular Endotelial Growth Factor famiglia di proteine. più isoforme, ognuna lega un recett­ore;il princi­pale: VEGF­R-2­/KD­R/F­Ik-1
FGF = Fibroblast Growth Factor
BYPA­SS: Con vena del paziente si fa l'anas­tom­izz­azione a monte e a valle della zona occlusa. No in pazienti con malattie multi-­vasali quindi nel tempo hanno scompenso cardiaco.
Sistema NOGA: mappatura elettr­o-m­ecc­anica del cuore e rilascio di fattori terape­utici nel miocardio.
 

Terapia Genica del Muscolo

Dist­rofia muscol­are: altera­zione delle proteine del complesso DGC che coinvolge la distr­ofina proteina con peso di 427kDa; 2,4 Mbp di cui la coding region 11kbp.
Due forme cliniche: DMD e DMB.
DMD: proteina tronca o instabile quindi non funzio­nante. terapia: Cortic­ost­eroidi per alleviare i sintomi.
BMD: delezione dei siti centrali della distrofina senza compro­mettere i domini N-t (che lega l'actina) e C-t ( Che lega il complesso DGC). Qui la distrofina è più piccola ma funzio­nante: patologia meno grave della DMD.
Terapia Genica: Trasforma la DMD in DMB. però il gene della distrofina è molto grande e ci sono problemi a inserirlo intera­mente.
Vettore di scelta: AAV, anche se piccolo => produ­zione di una distrofina più piccola: Mini- distrofine (6kbp) e Micro-­dis­trofine (4kbp) con entrambe N-t e C-t.
Altre terapie:
exon skippi­ng: oligontd antisenso, ristab­ilisce il frame di lettura, esclude uno o più esoni dalla traduz­ione. Risultato: distrofina più corta, ma funzio­nale.
Geno­me-­edi­tin­g­:CR­ISP­R/Cas9.
Muscle building strategy 1 => NON FUNZIO­NA! L’utr­ofina= proteina omologa della distrofina (funzi­onale e strutt­urale) . Si fa con AAV.
Muscle building strategy 2: sull’asse fallis­tat­ina­-mi­ost­atina. La 1° inibisce la 2°.

Differenza tra...

Animali Knock-­out
Animale in cui è soppre­ssa­,­l'e­spr­essione di un determ­inato gene.
Animali Knock-in
Animale in cui si sostit­uisce una sequenza endogena con un’altra sequenza e ci permette per esempio di studiare l’effetto della mutazione.
Animali Transg­enici
È inserito un gene in un animale e si aumenta la sua espres­sio­ne. I geni inseriti possono essere anche di un altro animale, e s’int­egrano casual­mente.

Terapia Genica del SNC

Vettore di scelta: AAV.
Obbi­ett­ivi: contro­llare i sintomi; promuovere la rigene­razione e soprav­vivenza dei neuroni; o rimpia­zzare la funzione del gene mancante.
Fattori Neurot­rof­ici:
Nuro­tro­fine: NGF (Nerve Growth Factor), BDGF (Brain Derived Growth Factor), Neuro­Trofine 3 e 4. Legano recettori Tyr-ki­nasici o TRK sulla membrana dei neuroni. Questi si associano in eterod­ime­riz­zazione con un altro recettore della stessa famiglia: p75. Ognuno dei Trk può legare uno dei membri delle neurot­rofine, mentre tutti sono in grado di legare il recettore p75.
Famiglia di GDNF (Glial Drived Neurot­rophin Factor): GDNF, neurot­urina (NTN), artemina (ART), persefina (PSP).
Famiglia del CNTF/LIF (Celialy Derived Neurot­ophic Factors e Leukemia Inibitory factor).
 
Alzh­eim­er: Atrofia cerebrale diffusa a causa della perdita di neuroni coline­rgici prima nell’i­ppo­campo e poi della corteccia cerebrale. Tera­pie:
1) sommi­nis­tra­zione di NGF per il modello di tratta­mento in animali => Effetti benefici:
- Protezione dei neuroni coline­rgici dopo una axotomia;
- Reversione dell’a­trofia legata all’in­vec­chi­amento;
- Migliora memoria e appren­dim­ento.
2) Trial clinici con NGF come proteina ricomb­inate (rNGF): sommin­istrata per via centrale.
3) Delivery Genico: Vettori virali (retro­virus di Moloney) ex vivo => prelievo fibrob­lasti autologhi, trasdotti con retrovirus che esprime NGF, e reimpianto nel cervello del paziente. Risultato: aumento del metabo­lismo cellulare del glucosio e formazione di neuroni coline­rgici => Minore declino cognitivo.
4) Studio in fase 1 con il CERE-110: Risultati => non funzio­na! C'è un bias sulle metodiche di sperim­ent­azi­one.
NB i neuroni non perenn­emente stimolati muoiono tramite apoptosi. Si può contra­stare con l'uso di fattori di crescita che promuovono la soprav­viv­enza: Fattori Neurot­rof­ici.

Terapia Genica: Morbo di Parkinson

Dovuto alla predita di neuroni dopami­nergici della sostanza Nigra.
4 possib­ilità di terapia genica:
AAV: trasdurre geni che aumentino la dopammina: attività dopami­nergica aumentata, sui sintomi non ci sono miglio­ram­enti;
Interf­erire con l’aggr­ega­zione proteica;
Produzione e delivery di fattori neurot­rof­ici;
AAV-­GAD: introd­ucono geni che producono GABA per regolare l'attività dei nuclei sotto-­tal­amici. L'enzima GAD produce i GABA.
Fase1: iniezione unilat­erale di AAV-GAD. Risu­ltati => riduzione di assunzione di Levodopa e miglio­ramento bilate­rale!
Fase 2 : Iniezione bilate­rale, valuta­zione sicurezza e metabo­lismo dei neuroni.
Terapie attuali:
1) Sommin­ist­razione della Levodopa (farmaco analogo del precursore della dopamina, che agisce sullo striato) associata alla Carbi­dopa (inibitore delle carbos­silasi perife­riche, che altrimenti inatti­ver­ebbero il farmaco). => perde efficacia nel tempo = Più effetti collat­era­li!
2) Deep Brain Stimul­ation Si danno scariche elettriche per tenere sotto controllo l’iper­ecc­ita­bilità dei neuroni sotto-­tal­amci. => Tratta­mento autoge­stibile in pazienti giovani.

Terapia Genica del cuore 2

TET-ON e TET-OFF:
TET-­off: ci sono due vettori:
1. Ha tTA (trans­att­iva­tore) fuso a VP16 (espre­ssione costit­utiva);
2. Ha il gene terape­utico legato ad un promotore artifi­ciale che è formato in parte è CMV e per il resto lega l'oper­atore tTETO.
Nel sistema quando non c’è tetrac­icl­ina tTA libero si lega a tetO e lo esprime; in presenza di tetrac­icl­ina lega tTA impede­ndogli di legare l’oper­atore => l’es­pre­ssione non avviene;
TET-­on: ci sono di nuovo i due vettori con le stesse caratt­eri­stiche ma con un controllo inverso => se c’è tetrac­iclina si lega a tTA e solo così tTA è capace di legarsi all’op­era­tore e quindi il gene si esprime.

Terapie per lo scompenso cardiaco
Obbie­ttivo: neo-ri­vas­col­ari­zza­zione di un arto o cuore ischemico.
Speri­men­tazione animale: Modello di cane instru­mentato con un occlusore idraulico nelle corona­rie.Nella regione irrorata da quella coronaria così come in una regione più remota sono posizi­onanti dei cris­talli piezoe­let­tri­ci. Il loro movimento è monito­rabile => registra parametri fisiol­ogici. Si induce un piccolo infarto al cui bordo è state iniettato AAV di controllo o esprimenti con VEGF. Si monitora la contra­ttilità del cuore e, in presenza di una zona infart­uata, si ha l’allo­nta­namento dei 2 cristalli in sistole => shortening negativo. In animali trattati con VEGF => ripresa della contra­ttilità fino all’80%. => Effetto diretto sui miocar­dio­citi.
Studiando i recettori di VEFG, in modelli animali, si è visto che iniettando AAV con il recettore VEGFb si è in grado di ripr­ist­inare e prevenire lo scompenso cardia­co.

Difetti della Serca2­a­=> aumento di calcio porta a contra­zione meno efficace, soluzioni possibili:
Inibizione del fosfol­ambdano => inibisce l’ATPasi SERCA2a
Indurre una maggiore espres­sione della pompa SERCA2a: con AAV1 => non funziona!
Modula­zione dell’a­ttività β-adre­nergica (più adrenalina più rilascio di calcio)
Esprimere proteine che possano avere un effetto cardio­-pr­ote­ttivo (VEGF e IGF1).

Terapia genica per la rigene­razione del cuore
I miocar­diociti hanno un minimo potenziale rigene­rativo che potrebbe essere riatti­vato, dopo il suo spegni­mento nella 1° settimana di vita. (Studi con C14)
I miRNA sono down (o up) regolati in seguito a scompenso cardiaco, e regolano la capacità prolif­erativa dei miocar­diociti durante lo sviluppo. Esistono marker di prolif­era­zione cellulare: miR199a e miR590 eviden­ziati con EDu e l’α-­act­inina in topo. Aurora B è un marker di citoch­inesi. In vettori che usano miRNa ai bordi di zone infartuate => si preserva funzione e la struttura, quindi rigene­raz­ione.
Target dei miRNA: silenziano simult­ane­amente geni per proteine di assemb­laggio della struttura sarcom­erica e citosc­hel­etr­ica.
Disa­sse­mblare il sarcom­ero => segnale che elimina l’hippo pathway.
Espe­rimenti su maiale: Quelli che hanno ricevuto AAV che esprime il miRNA dopo l'infarto hanno un cuore relati­vamente normale (lievi aree ipocin­etiche) ma dopo due settimane presentano aritmia o cluster di cellule prolif­era­nti causa => espres­sione di miRNA per lungo tempo => de differ­enz­iamento delle cellule cardia­che che hanno sviluppato delle strutture simili a tumori.
Quindi si pensa ora di sommin­istrare i miRNA come minis, cioè piccole molecole più sicure: in piccoli animali funzionano (restano per 12 giorni).
Recettori:
VEGF­-R2= principale recettore angiog­enico locali­zzato in corris­pon­denza dei vasi.
VEGF­-R1= locali­zza­zione miocar­dio­cit­ari­a,entro la struttura del disco interc­alare.
Fattori: (entrambi hanno effetto cardio­-pr­ote­ttivo)
VEGFa lega sia VEGF-R1 ché il VEGF-R2
VEGFb lega solo il recettore 1.
 

Terapia Genica dell'E­mofilia

Patologia X-Li­ked dovute alla mancanza o al malfun­zio­namento di alcune delle proteine della coagul­azione. Due forme:
Emofilia A: dovuta a un difetto del gene che codifica per il Fattore VIII.
Emofilia B: dovuta a un difetto del Fattore IX.
Terapia sosti­tut­iva: trasfu­sione di sangue.
Terapia genica: Basta una correzione del 10-50% per ristab­ilire il fenotipo normale. Vettore di scelta: AAV: il fattore 8° è troppo grande per essere inserito, ma per il 9° va bene. Se iniettato nel muscolo il fattore 9° porta ad aumento di sintesi di fattore 9° a livello locale; ma non avviene ciò nel fegato a causa di ab-anti AAV che causavano infiam­mazione epatica.
 
In pazienti con emofilia B severa trattati con AAV8, nel fegato, e usando vettori scAAV(self comple­mentary AAV), ed un fattore IX-codon optimized cioè con più proteina e più stabile rispetto alla wt, si è riscon­trato nel tempo un’esp­res­sione tra il 2 ed il 11%. Nel 2014 i 6 soggetti sono liberi dalla terapia sostit­utiva.
 
Si sono fatti anche studi per l’emofilia A e si è sviluppato un sistema dove si elimina il dominio B del Fattore 8 che si può produrre e clonare nell’AAV 5 (che accomoda geni più grandi).
Si sono scoperti pazienti che hanno un fattore 9 mutato è più funzio­nante del normale. Sono in corso sviluppi anche di un fattore IX-Padua, con sostit­uzione di 2 nt e un AA, determ­inando un fattore 9x più attivo di un fattore IX normale.

Terapia genica SMA e SLA

1) Atrofia Muscolare Spinale (SMA): Malattia genetica data dal gene SMN (Survival Motor Neuron) presente in due tipi di copie: SMN1 (telomero) e SMN2 (centr­omero).
SMN1 codifica per la proteina SMN, essenziale per la soprav­vivenza e il normale funzio­namento dei motone­uroni.
I pazienti affetti da SMA hanno un numero variabile di copie di un secondo gene, SMN2, codifica per una forma accorciata della proteina SMN, con funzio­nalità ridotta al 10%. Il n° di copie del gene SMN2 è alla base della grande variab­ilità della patologia. Tipologie:
- Tipo 1: solo 2 copie di SMN sano: 15% di SMN funzio­nante, è la forma più grave.
- Tipo 2: Hanno maggiori quantità di SMN e quindi presentano varianti meno severe della condiz­ione.
- Tipo 3 e 4: In età adulta, hanno più proteina, è la forma meno grave.
Terapie con vettori virali:
AAV9 buoni risultati, ma aumento degli enzimi epatici dato da AAV, che può essere contro­llato;
Olig­onu­cle­otide anti-s­enso: Nusin­ersen interf­erisce con lo splicing della proteina SMN2 => aumenta la proteina funzionale con buoni risultati in tutte le forme.
NB: entrambe sono terapie che alleviano i sintomi ma non guaris­cono.
 
2) Sclerosi laterale amiotr­ofica (SLA): Malattia sporadica che determina degene­razione dei motone­uroni sia superiori, che inferiori. Il decorso di questa patologia può essere rallentato dal tratta­mento con farmaci glutam­mat­o-b­loc­canti (riluzolo) ma funziona poco o nulla. Il 10% delle forme sono genetiche domina­nti e il gene mutato è l’enzima supero­ssido dismutasi 1 (SOD­1). Questo ha 3 isoforme: SOD1 citopl­asm­atica;2 mitoco­ndr­iale;3 esterna alla cellula. In topi knock-in si osserva una gain-o­f-f­unction del gene e sintom­ato­logia SLA-like. Terapie:
In topi VGF𝛿 𝛿 si hanno sintomi SLA-like, ed esprimono meno VGF a livello spinale. Ottenuti con delezione in una regione sensibile all’ip­ossia di VEGF. => No difetti vascol­ari! La sommin­ist­razione di AAV-VEGF prolunga la vita del topo sia per un’ini­ezione intram­usc­olare ché per via intra-­cer­ebr­o-v­ent­ric­olare. In genere ogni neurone termina con una giunzione neurom­usc­olare, ma il VEGF dà origine a multiple giunzioni neurom­usc­ola­ri. Con il VEGF pare che queste si stabil­izzano a seguito di iper-s­pro­uting assonale.
VEGF è nato come fattore neurot­rofico ma nell'e­vol­uzione è stato adottato per lo sviluppo dei vasi sanguigni. VEGF è il fattore pleiot­ropico per eccell­enza.
Il cono di crescita del neurone sviluppa dei filo­podi e lame­lli­podi: estrusioni ricche di recettori per fattori di crescita che stimolano la crescita e ne guidano la direzione di crescita. Queste sono molto simili a quelle delle tip cells endote­lia­li.

Terapia genica dei Tumori

Onco­gene: è un gene che porta la cellula verso lo sviluppo di un fenotipo neopla­stico
Onco­sop­pre­sso­re: è un gene che codifica per prodotti che agiscono negati­vamente sulla progre­ssione del ciclo cellulare, proteg­gendo la cellula dall'a­ccumulo di mutazioni potenz­ial­mente tumorali.
Cancer gene atlas: ha mappato circa 200 geni coinvolti nella trasfo­rma­zione neopla­stica.
Si può agire su:
Sulla cellula tumorale modifi­candole dirett­amente, compresi i meccanismi che la trasfo­rmando cellula tumorale. Tramite:
a) inibi­zione della prolif­era­zione,
b) trasf­erendo geni suicidi in queste,
c) sfruttando virus oncoli­tici.
Le prospe­ttive non sono troppo incora­ggi­anti.
Sul SI Attiva­ndolo contro il tumore, e contra­stare la crescita delle cellule cancerose (imm­uno­-ge­ne-­the­rap­y). Si fa con:
a) aumento della stim­ola­zione antige­nica da parte del cancro,
b) aumentare la risposta delle cellule T citoto­ssi­che
c) Modificare le cellule T citoto­ssiche effe­ttrici attive contro le cellule tumorali.
Attivando il SI si può aspirare in un’i­mmu­not­erapia dei tumori.
Sulle cellule staminali ematop­oie­tiche trasfe­rendo in queste i geni che riducono la tossicità della chemio­ter­apia. Per aumentare l’indice terape­utico della chemio­ter­apia.

Primi tentativi : attiva­zione di oncoso­ppr­essori o inatti­vazione gli oncogeni. => Prima con oligontd naive dove si blocca la sintesi di un gene alterato, che altrimenti attive­rebbe il ciclo cellulare.
=> Poi si sono usati oligontd fosfot­ioati modificati con sostit­uzione di un ossigeno con uno zolfo per impedirne la degrad­azione.
=> Poi con LNA (morfolino => knockout in zebrafish) o PNA
Risultatom => 0! Sevono molti oligontd per bloccare gli mRNA di un gene alterato.

Ribo­zimi: struttura a RNA, attività enzima­tica, si associano a mRNA lo tagliano e lo distru­ggono. Due tipi:
1. Hamm­erhead : Si possono associare a qualsiasi sequenza per la quale siano proget­tati.
2. A forcina: Funzionano in modo analogo agli Hammerhead (struttura 3D poco più comple­ssa).
=> Si sono sviluppati per la Leucemia Mieloide Cronica ma sono stati rimpia­zzati dal Gleevec che inibisce la chinasi ibrida Bcr-Abl.

iRNA: sistema endogeno di silenz­iamento degli RNA.

Pro drug therapy: con prof­arm­aci sfrutta il meccanismo dell’H­erpes simplex. I farmaci si attivano con la timidina kinasi, presente nelle cellule infette, tramite fosfor­ila­zione. => è incorp­orato nella catena nascente del DNA e porta la cellula alla morte. => non fa niente alle cellule sane, ma uccide selett­iva­mente quelle infettate dal virus.(p­rof­armaco: Ganc­icl­ovi­r­=> funziona in topo ma non in uomo => effetto by-sta­nder: respon­sabile della replic­azione tumorale in animali, le cellule infettate che muoiono rilasciano metaboliti tossici che entrano nelle cellule vicine. => effetto positivo in topo, ma non è presente nell'uomo!

Virus Oncoli­tici Si è visto che in soggetti con tumore in un certo stadio, se contra­evano patologie virali e poi guarivano, erano anche guariti dal tumore! => Si può usare dirett­amente il virus per uccidere il tumore! Funzionano bene associati a chemio­ter­apia.
Uso di Aden­ovi­rus: esprime E1A (ma non E1B). Nei tumori p53 non è attivo => ciclo replic­ativo del virus = morte cellule tumorali, il virus si diffonde ad altre ( nelle sane invece p53 è attivo e si induce apoptosi)
ONYX­015: iniettato in modo intrat­umorale e privo di E1B => effetto cito­patico selettivo per le cellule p53 negati­ve.

Immu­not­erapia dei Tumori: poco efficace
Target: cellule tumorali; rafforza il SI
Sfrutta: Tal (che fanno homing nel tumore) => per tumori metast­atici
Meccan­ismo: aumento prolif­era­zione dei linfoc­iti, esposi­zione ad antigeni di superficie tumorali specif­ici.
Tipologia: Attiva stimol­azione diretta del SI => DNA Vaccin­ati­on: sia risposte umorali, sia citoto­ssi­che. Usa Gene Gun
Vettore di scelta: Aden­ovi­rus genoma abbastanza grande in cui può essere facilmente introdotto il gene terape­utico. Quelli di 1° e 2° gen sono usati per far esprimere gli antigeni tumorali o stimolare risposta del SI con cito­chi­nine (stimolano la prolif­era­zione dei linfociti)

Igne­gne­rizzare Linfociti T citoto­ssici
I linfociti t hanno un antigene per TCR, funziona in associ­azione al CD3 => attiva la chinasi ZAP70 => segnale di attiva­zione della risposta linfoc­itaria.
Si crea la molecola artifi­ciale Car che permette a tutti i linfociti di targettare i tumori. Struttura della Car:
1) esterno ha il dominio di ricono­sci­mento dell'a­ntigene tumorale
2) interno il sistema di segnal­azione ZAP70
Vettore: Virus lent­ivi­ral­i/r­etr­ovirus che esprimono Car per Linfociti T citoto­ssici.
Risultato: Buono se il tumore esprime molti antigeni specifici!
Eter­oge­neità tumora­le: non tutte le cellule tumorali sono uguali.
Cancer stem cells: hanno un alto potenziale prolif­era­tivo.
locked nulcleic acids = LNA
PNA = peptide nucleic acid
Proteine Adenov­irus:
E1A: effetto pro-pr­oli­fer­ativo => attiva p53
E1B: blocca p53 => il virus fa ciclo litico
TAL = Tumour Associate Lympho­cyte fanno homing nel tumore
TCR = T Cell Receptor
Car = chimeric antigen receptor
       

Help Us Go Positive!

We offset our carbon usage with Ecologi. Click the link below to help us!

We offset our carbon footprint via Ecologi
 

Comments

No comments yet. Add yours below!

Add a Comment

Your Comment

Please enter your name.

    Please enter your email address

      Please enter your Comment.